Santorini, l’isola dei sei sensi

Santorini (Thira). Isola ineguagliabile ed unica, ricca di contrasti, nata da un’antica Eruzione vulcanica, domina le Cicladi. Santorini non è solo una vacanza, ma un’esperienza che avvolge I 6 sensi

..Della vista: i romantici tramonti nella Caldera, i tradizionali villaggi imbiancati , la tipica architettura dell’Egeo a picco sulla scogliera. La famosa Oia,- il più antico tra gli insediamenti Greci giunti fino a noi- lungo la Caldera, scavata profondamente nella roccia lavica, il tutto irradiato dai raggi del sole che le conferiscono l’aspetto di un’opera d’arte.

… del Tatto : il paesaggio qui è al  fuori dei standard delle Cicladi. A Santorini il bianco e il blu sono in armonia con le rocce nere e rosse della terra . Anche le spiagge dell’isola sono in armonia con il suo particolare carattere vulcanico con sabbia nera, rossa e bianca di Kamari e Vlihada vi permetterà di nuotare in uno scenario unico nel suo genere.

… ..Del olfatto: sulle terrazze nere a gradini, costruite in pietra lavica, i muri di pietra marrone, i vicoli lastricati e le case bianche con le finestre blu del portico. La maggior parte dei villaggi è collegata tra di loro da una rete  di sentieri che passano  tra vasti vigneti, villaggi e antiche dimore in un percorso senza tempo. E’ qui che avrai modo di assaporare il profumo dalla vecchia, autentica Santorini.

…… Dell’ udito: a parte la capitale Fira, con la sua magnifica vista sull’isola di Nea Kameni, meritano una menzione particolare anche gli altri villaggi di Santorini: la torre medievale, Karterades, Emborios, Ammoudi, Perissa, Perivolos, Megalohori, Kamari, Messaria, Monolithos, Imerovigli, il silenzio di Finikia, poco distante da Oia, con la sua Fiera di Matron  ,nel mese di ottobre.

… ..del Gusto: il vino è parte integrante della cultura di Santorini. Le antiche tecniche di coltivazione sono tramandate da migliaia di anni: i vigneti si sviluppano in un ecosistema unico, e vengono coltivati utilizzando una tecnica di potatura unica al mondo, la cui storia è ricca di aneddoti popolari . Prova la varietà Assyrtiko, ricca di intensi aromi pietrosi vulcanici che giungono dale radici al tuo bicchiere, o il dolce “Vinsanto” di fama internazionale (con Asyrtiko e Aidani), col suo tipico aroma di frutta secca e caramellata.

 L’isola è eccezionalmente ben organizzata con molte cantine, alcune delle quali sono anche musei. Gatronomicamente, sia i ristoranti gourmet di Santorini che le taverne servono prodotti locali come melanzane bianche, pomodori, fave, capperi, gramada, cetrioli e formaggio verde. Da provare anche i famosi “morsi” di pomodoro e la salsiccia di Santorini!

…..Sesto senso: Sali sui castelli dell’isola e osserva il blu infinito del Mar Egeo. Goditi la vista dall’antica Thira a un’altitudine di 369 m., in posizione strategica per i coloni di Sparta all’inizio dell’VIII secolo a.C. secol: è proprio dalla Dea Spartana Thira, che trae originel’attuale nome dell’isola.

Nel suggestivo sito archeologico di Akrotiri avrai modo di vedere la più antica civiltà mediterranea, rimasta sepolta dalla lava per 3.400 anni. A causa della cenere dell’eruzione del vulcano, i reperti si sono conservati in maniera eccellente: una seconda Pompei!

Informazioni privilegiate:

Il periodo migliore per godersi Santorini è al di fuori della stagione turistica

Santorini (Thira). Isola ineguagliabile ed unica, ricca di contrasti, nata da un’antica Eruzione vulcanica, domina le Cicladi. Santorini non è solo una vacanza, ma un’esperienza che avvolge I 6 sensi.

Leave a Reply
Your email address will not be published. *

Click on the background to close